Il CNF informa gli Avvocati

Il Cnf ha informato gli Avvocati ,con apposita email contenente una nota del Presidente Mascherin, sull’esito del gravame deciso dal Consiglio di Stato con la nota sentenza del 22 marzo scorso.

Care Colleghe, cari Colleghi, ritengo opportuno inviarVi il testo della sentenza 22.3.2016 del Consiglio di Stato che ha accolto il ricorso dell’AGCM, rigettando di converso quello presentato il 10/1/2015 dal CNF contro la sentenza del TAR del Lazio 1 luglio 2015, n. 8778 che aveva deciso, accogliendola parzialmente, sull’impugnativa proposta dal Consiglio Nazionale Forense stesso avverso l’irrogazione della sanzione amministrativa pecuniaria inflitta dall’Autorità il 22/10/2014 per € 912.536,40….

Parlamento e riforma Costituzione

Dubbi (sic!) sulla legittimità dell’attuale Parlamento a modificare la seconda parte della Costituzione.
La sentenza della Corte costituzionale n. 1 del 2014, nel dichiarare l’incostituzionalità della legge elettorale definita Porcellum , affermava che le Camere, elette appunto con una legge dichiarata incostituzionale, in particolare per l’assenza di una soglia minima per l’assegnazione del premio di maggioranza, avrebbero potuto continuare ad esercitare le loro funzioni soltanto sulla base di un principio implicito all’ordinamento giuridico, ovvero su il principio fondamentale della continuità dello Stato . Un principio che, tuttavia, non legittima un esercizio prolungato nel tempo, tra l’altro, finalizzato a stravolgere l’impianto costituzionale, ma al massimo, come esemplificato dalla Corte nella medesima sentenza, limitato nel tempo.