PEC e domicilio digitale

PEC e domicilio digitale. A seguito all’introduzione del domicilio digitale, l’avvocato necessariamente è tenuto a comunicare il proprio indirizzo di PEC al Consiglio dell’Ordine di appartenenza, ai sensi dell’art. 16-sexies D.L. nr. 179/2012; pertanto,salvo quanto disposto dall’art. 366 cpc per il giudizio di cassazione, non è più possibile procedere alle comunicazioni o alle notificazioni presso la cancelleria dell’ufficio giudiziario innanzi al quale pende la lite, anche se il destinatario non ha eletto domicilio nel comune in cui ha sede quest’ultimo, a meno che, oltre a tale omissione,non ricorre altresì la circostanza che l’indirizzo di posta elettronica certificata non sia accessibile per cause imputabili al destinatario.