Ricerca elenco unico difese Ufficio

Elenco Unico Nazionale Difese D’Ufficio.

Il decreto legislativo 31 gennaio 2015, n. 6 recante “Riordino della disciplina della difesa di ufficio, ai sensi dell’art. 16 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, demanda al Consiglio nazionale forense la tenuta e l’aggiornamento dell’Elenco unico nazionale degli avvocati disponibili ad assumere le difese d’ufficio.

Processo amministrativo telematico

DECRETO DEL PRESIDENTE CONSIGLIO DEI MINISTRI 16 febbraio 2016, n. 40.

Regolamento recante le regole tecnico-operative per l’attuazione del processo amministrativo telematico. (16G00050) (GU Serie Generale n.67 del 21-3-2016). Entrata in vigore del provvedimento: 05/04/2016

Giustizia amministrativa telematica

Perché quella di luglio sarà una rivoluzione.

Il PAT si pone innanzitutto come strumento per accorciare le distanze tra il Giudice amministrativo e i suoi utenti e ne è un chiaro esempio il dovere di depositare con modalità telematica, non solo qualsiasi istanza di provvedimento cautelare, ma anche le istanze cautelari ante causam, oltre a qualsiasi richiesta rivolta alle Segreterie degli uffici giudiziari. Sono evidenti i vantaggi per gli stessi cittadini in termini di risparmio di tempi, di costi e soprattutto di attesa della risposta da parte del servizio Giustizia…

Illecito deontologico continuato

Il dies a quo per la prescrizione dell’azione disciplinare va individuato nel momento della commissione del fatto solo se questo integra una violazione deontologica di carattere istantaneo che si consuma o si esaurisce al momento stesso in cui viene realizzata; ove invece la violazione risulti integrata da una condotta protrattasi e mantenuta nel tempo, la decorrenza del termine prescrizionale ha inizio dalla data della cessazione della condotta.

Nella specie, trattavasi di inadempimento al mandato per ottenere il risarcimento di un danno. In applicazione del principio di cui in massima, il CNF ha individuato “a tutto voler concedere,  la cessazione della condotta deontologicamente scorretta”, e quindi il dies a quo della prescrizione disciplinare, nella data di prescrizione del diritto del cliente al risarcimento del danno di cui aveva dato incarico al professionista e rimasto inadempiuto.