Gdp, protesta si allunga

Protesta clamorosa contro la riforma. Scioperi a intervalli di un mese, che bloccheranno gli uffici per i prossimi 4 anni. È la protesta che i giudici di pace si dicono pronti ad attuare, chiedendo invece l’immediato ritiro’ dello schema di decreto legislativo di riforma della magistratura onoraria. «Bloccheremo tutti gli uffici dichiara Alberto Rossi, segretario dell’Unione nazionale giudici di pace – i cittadini toccheranno con mano cosa succederà quando la sciagurata riforma Orlando entrerà in vigore con i giudici di pace che non potranno tenere più di un’udienza a settimana».

Corrispondenza non producibile

Non è producibile né riferibile in giudizio la corrispondenza, relativa a transazioni, tra Avvocati. Il divieto di produrre, riportare o riferire in giudizio la corrispondenza qualificata come riservata e, comunque, la corrispondenza, anche senza tale qualifica, contenente proposte transattive, già previsto dall’art. 28 del Codice Deontologico previgente, è oggi contemplato dall’art. 48 del nuovo Codice, che, per tale fattispecie tipica, prevede la sanzione edittale della censura. La riservatezza della corrispondenza tra Colleghi, che tutela in definitiva la libertà del Difensore nella conduzione della lite, costituisce un canone essenziale che prevale, peraltro, salve le eccezioni previste espressamente, persino sul dovere di difesa.

Sciopero penalisti,Garante chiede stop

‘No, lo sciopero non verrà revocato, perchè rispetta il condice di autoregolamentazione’.  Il presidente dell’Unione Camere Penali Italiane, Beniamino Migliucci, risponde in modo netto alla richiesta dell’Autorità di garanzia per gli scioperi, che ha chiesto alle associazioni di rappresentanza degli avvocati di revocare lo sciopero proclamato dal 12 al 16 giugno prossimi.

Le ragioni della richiesta risiederebbero nela fatto che «nel corso dell’anno, si sono svolte già ben quattro astensioni e il rischio è che tale ennesimo sciopero, proclamato in un breve arco temporale, finirebbe per pregiudicare la buona amministrazione della giustizia penale nel suo complesso».