Professione ed esami forensi

Informatica a tutela della correttezza degli esami di abilitazione alla professione. Criteri di prova dell’esercizio effettivo della professione ai fini della permanenza negli Albi.

Entrano in vigore il 22 aprile prossimo i due decreti ministeriali nn. 47 e 48, rispettivamente dedicati all’accertamento della professione forense ed alla disciplina delle modalità di svolgimento delle prove di abilitazione delle prove; i due decreti sono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale del 7 aprile scorso n. 81. La piena operatività del decreto sull’esercizio continuativo è affidata all’adozione di un decreto ministeriale, entro sei mesi dall’entrata in vigore nelle nuove disposizioni (dunque entro il 22 ottobre) , che dovrà indicare le modalità con le quali i Consigli degli Ordini individuano le dichiarazioni sostitutive da sottoporre annualmente a controllo a campione; il controllo sull’esercizio effettivo avviene ogni tre anni.  Per quanto riguarda il DM n. 48 sull’esame forense, in estrema sintesi, esso prevede modalità crittografiche per l’invio delle tracce, a tutela della segretezza dei temi assegnati fino al momento dell’inizio di svolgimento delle prove scritte;

Giustizia tributaria

Sistema giurisdizionale tributario,leggendo i numeri si potrebbe essere  indotti a ricondurre sotto il comune manto della Giustizia ordinaria le controversie tributarie, con l’istituzione presso i Tribunali e le Corti d’appello di sezioni specializzate in materia di tributi.

Del resto, già il primo presidente della Corte di Cassazione ha prospettato la via ipotetica di “ripensare all’intero sistema della giustizia tributaria di merito come giurisdizione speciale.

Giustizia tributaria: 530 mila cause pendenti e accertamenti solo per i piccoli contribuenti. Le controversie con il Fisco valgono 34 miliardi di euro, ma sono gestite da un sistema giudiziario inefficace. Il governo ha dato via a un tavolo tecnico: una riforma è necessaria…