Estrazione duplicati e copie da PST

Breve guida per l’estrazione di duplicati e copie informatiche dal PST 

Miniguida realizzata dall’Avv. Pietro Calorio del foro di Torino (socio fondatore del CSPT), per l’estrazione di duplicati informatici, copie informatiche e impronte di atti e provvedimenti presenti nel fascicolo informatico attraverso l’interfaccia di consultazione del Portale dei Servizi Telematici del Ministero della Giustizia.

Leggi a perdere

Come vengono pensate e scritte le leggi? Spesso non si sa nemmeno chi ci ha messo le mani per ultimo. Il decreto Veronesi del 2001 garantisce ai celiaci un budget di spesa mensile per comprare prodotti senza glutine…

…Il grasso animale: la direttiva europea recepita dai ministeri della Salute e delle Politiche agricole lo classifica come combustibile per produrre energia rinnovabile...

Bollo virtuale

Approvazione del modello di dichiarazione dell’imposta di bollo dovuta in modo virtuale, delle relative istruzioni e delle specifiche tecniche per la trasmissione telematica. Provvedimento del 17 dicembre 2015 – Pubblicato il 17/12/2015.

Il Direttore dell’Agenzia, in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

1. Approvazione del modello di dichiarazione dell’imposta di bollo dovuta in modo virtuale.

È approvato, unitamente alle relative istruzioni alla compilazione, il modello di dichiarazione dell’imposta di bollo dovuta in modo virtuale previsto dall’art. 15, comma 5 del decreto del Presidente della Repubblica n. 642 del 26 ottobre 1972, come da ultimo modificato dall’art. 1, comma 597, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di stabilità 2014)...segue

Legge Pinto,luci e ombre

La legge c.d. Pinto del 24.3.2001 nr. 89 continua ad essere oggetto dell’attenzione del legislatore. Dopo la riforma operata con legge 134/12, i commi 777, 781 e 782 dell’art. 1 della legge di stabilità nr. 208 del 28.12.2015 hanno introdotto incisive modifiche, ispirate alla finalità di “razionalizzare i costi conseguenti alla violazione del termine di ragionevole durata dei processi”. Finalità idonea a orientare l’interpretazione delle nuove regole, che va intesa nel senso della riduzione dei costi, il cui incremento è possibile solo se di evidente razionalità.