Disposizioni fiscali e finanziarie

Disposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria D.L. 119/2018 – A.S. n. 886.Dossier Scheda di lettura. Tra le diverse disposizioni, evidenziamo quella di cui all’articolo 17 relativo all’obbligo di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi.

L’articolo 17 reca alcune modifiche al decreto legislativo n. 127 del 2015 sulla trasmissione telematica delle operazioni IVA volte a rendere obbligatoria la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica all’Agenzia delle entrate dei dati relativi ai corrispettivi. Si ricorda che, in attuazione delle norme per l’incentivazione dell’uso della fatturazione elettronica contenute nella legge di delega fiscale (legge n. 23 del 2014), il decreto legislativo n. 127 del 2015 consente ai contribuenti di usare gratuitamente il servizio per la generazione, trasmissione e conservazione delle fatture elettroniche messo a disposizione dall’Agenzia delle entrate dal 1° luglio 2016.
Dal 1° gennaio 2017, il Ministero dell’economia e delle finanze ha messo a disposizione dei soggetti passivi dell’IVA il Sistema di Interscambio per la trasmissione e la ricezione delle fatture elettroniche e di eventuali variazioni delle stesse, relative a
operazioni che intercorrono tra soggetti residenti nel territorio dello Stato, secondo il formato della fattura. Dalla stessa data, chi effettua cessioni di beni e prestazioni di servizi (imprese, artigiani e professionisti) può trasmettere telematicamente all’Agenzia delle entrate i dati dei corrispettivi giornalieri delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi, in sostituzione degli obblighi di registrazione. L’opzione ha effetto per cinque anni e si estende di quinquennio in quinquennio, ove non revocata.
In particolare, il comma 1 apporta le seguenti modificazioni all’articolo 2 del decreto legislativo n. 127 del 2015: a) il comma 1 è sostituito in modo da rendere obbligatoria, a decorrere dal 1° gennaio 2020, la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica all’Agenzia delle entrate dei dati relativi ai corrispettivi giornalieri per i soggetti che effettuano le operazioni di cui all’articolo 22 del D.P.R. n. 633 del 1972 (decreto IVA). La nuova formulazione dispone inoltre che la
memorizzazione elettronica e la connessa trasmissione dei dati dei corrispettivi sostituiscono gli obblighi di registrazione di cui all’articolo 24, comma 1, del suddetto decreto n. 633 del 1972. Le disposizioni di cui ai periodi precedenti si applicano a decorrere dal 1° luglio 2019 ai soggetti con un volume d’affari superiore ad euro 400.000. Per il periodo d’imposta 2019 restano valide le opzioni per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi esercitate entro il 31 dicembre 2018. Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, possono essere previsti specifici esoneri dai predetti adempimenti in ragione della tipologia di attività esercitata…

Servizio del Bilancio. Nota di lettura – n. 46. A.S. 886: “Conversione in legge del decreto-legge 23 ottobre 2018, n. 119, recante disposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria”

Servizio Studi.Dossier – n. 75. Disposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria. D.L. 119/2018 – A.S. 886

Dossier – n. 75/1. Disposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria. Testo ed emendamenti approvati dalla 6a Commissione – Edizione provvisoria – D.L. 119/2018 – A.S. n. 886

Iter del provvedimento

 

 

Print Friendly, PDF & Email