Deposito notarile prezzo

Con la legge sulla concorrenza (legge n. 124/2017, articolo 1, commi 142 e 143, entrata in vigore il 29 agosto) è prevista la facoltà dell’acquirente di richiedere il deposito  del prezzo al notaio rogante fino ad avvenuta trascrizione del contratto di compravendita.Ove ‘richiesto da almeno una delle parti’, il notaio deve tenere in deposito il saldo del prezzo destinato al venditore fino a quando non sia eseguita la formalità pubblicitaria con la quale si acquisisce la certezza che l’acquisto si è perfezionato senza subire gravami.Le somme che il notaio si vede versare da parte dell’acquirente (e che dovranno necessariamente essere intestate non al venditore, bensı̀ al notaio stesso) saranno da lui segregate su di un conto corrente dedicato che ha appositamente acceso in banca con la destinazione di “conto dedicato ai sensi della Legge 147/2013”.

Queste somme sono assolutamente al sicuro: sia perché sono separate dal patrimonio del notaio (non cadono nella sua successione, in caso di premorienza; non vanno nella comunione legale del coniuge; sono impignorabili da parte dei suoi creditori) sia perché sono impignorabili anche dai creditori del venditore…. 

Contenuti integrali alla fonte https://www.notariato.it

/sites/default/files/Deposito%20-%20depliant%20singole.pdf

 qu 

Print Friendly, PDF & Email