Verifica fiscale,durata

Verifica fiscale,durata. Un contribuente deduceva l’llegittimità della sentenza impugnata nella parte in cui ha respinto il motivo relativo alla nullità/illegittimità degli avvisi di accertamento in quanto emessi a conclusione di una verifica illegittimamente protrattasi oltre il limite temporale previsto dall’art.12 quinto comma legge 27 luglio 2000 n.212, in relazione all’art.360 primo comma n.3 cpc.  La Suprema Corte ritiene il motivo infondato. In tema di verifiche tributarie, la violazione del termine di permanenza degli operatori dell’Amministrazione finanziaria presso la sede del contribuente, previsto dall’art. 12, comma 5 della legge 27 luglio 2000, n. 212, non determina la sopravvenuta carenza del potere di accertamento ispettivo, né l’invalidità degli atti compiuti o l’inutilizzabilità delle prove raccolte, atteso che nessuna di tali sanzioni è stata prevista dal legislatore. (Sez. 5, Sentenza n. 7584 del 15/04/2015).

Cass. Civile Sez. 5,Sent. nr. 1706 Anno 2018. Pubblic. 24/01/2018

 

Print Friendly, PDF & Email