Cessione credito e confisca

Cessione credito e confisca. Rimessa alle Sezioni unite la questione relativa alla tutela da accordare alla cesione di credito successiva al provvedimento di sequestro o di confisca preventiva. Il cessionario di un credito di data certa anteriore al decreto con cui è stato disposto il sequestro finalizzato alla confisca di prevenzione sul bene costituito a garanzia del credito medesimo può godere della suddetta tutela, ricorrendo le ulteriori condizioni poste dalla prima delle disposizioni succitate, anche qualora il suo acquisto sia intervenuto successivamente all’adozione del provvedimento cautelare di prevenzione? Il quesito sottoposto alle Sezioni unite è: se la cessione, avvenuta dopo la trascrizione del provvedimento di sequestro o di confisca di prevenzione, del credito precedentemente insorto determini o meno di per sè uno stato di mala fede in capo al nuovo titolare, come tale preclusivo dell’ammissibilità della sua ragione creditoria. Il Tribunale di Palermo, nel caso di specie, ha risposto affermativamente a tale quesito, limitandosi a richiamare adesivamente un conforme orientamento della giurisprudenza di legittimità….

…Stante l’attualità del contrasto evidenziato, deve dunque ritenersi sussistano i presupposti di cui all’art. 618 c.p.p. per disporre la rimessione del ricorso alla Sezioni Unite al fine di stabilire se la cessione, avvenuta dopo la trascrizione del provvedimento di sequestro o di confisca di prevenzione, del credito ipotecario precedentemente insorto determini o meno di per sè uno stato di mala fede in capo al nuovo titolare, come tale preclusivo dell’ammissibilità della sua ragione creditoria». P.Q.M. Dispone rimettersi il ricorso alle Sezioni Unite.

 

Cass. Penale Sez. 5. Sent.nr. 5194 Anno 2018
Presidente: PALLA STEFANO
Relatore: PISTORELLI LUCA
Data Udienza: 09/01/2018

Print Friendly, PDF & Email