Lealtà e correttezza

Lealtà e correttezza.L’avvocato deve agire con lealtà e correttezza nei confronti della parte assistita, dei terzi e della controparte.  L’Avvocato deve svolgere la propria attività con lealtà e correttezza non solo nei confronti della parte assistita, ma anche verso i terzi in genere e verso la controparte, giacché il dovere di lealtà e correttezza nell’esercizio della professione è un canone generale dell’agire di ogni Avvocato, che mira a tutelare l’affidamento che la collettività ripone nell’Avvocato stesso quale professionista leale e corretto in ogni ambito della propria attività.

Consiglio Nazionale Forense.Sentenza del 28 dicembre 2017, n. 247

https://www.codicedeontologico-cnf.it/?p=37367

Print Friendly, PDF & Email