Impugnazione depositata al CNF

In tema di impugnazione della decisione del COA, l’art. 59 del R.D. 22 gennaio 1934 n. 37 prescrive, a pena di inammissibilità, il deposito presso il medesimo COA che ha emesso la delibera contro la quale si ricorre. Il gravame presentato direttamente al Consiglio Nazionale Forense in violazione dell’art. 59 R.D. nr.37/1934,anzichè presso la segreteria del Consiglio territoriale che ha emesso il provvedimento impugnato, va dichiarato,pertanto,inammissibile. Nel caso di specie, l’impugnazione riguardava la delibera con cui il COA aveva respinto la domanda di iscrizione all’Albo degli Avvocati nella Sezione Speciale degli Avvocati Stabiliti.

Consiglio Nazionale Forense, Sentenza nr.92 del 13 luglio 2017

Articoli Correlati:
Procedimento disciplinare: competenza territoriale e criterio della prevenzione
Il mancato, ritardato o negligente compimento degli atti inerenti al mandato professionale
La delibera di apertura del procedimento interrompe la prescrizione anche se non notificata
Misconoscere la rilevanza deontologica del proprio comportamento rileva ai fini della determinazione della sanzione disciplinare

https://www.codicedeontologico-cnf.it