Contestazione disciplinare

La contestazione dell’addebito disciplinare non deve necessariamente indicare le norme deontologiche violate. La contestazione disciplinare nei confronti di un avvocato, che sia adeguatamente specifica quanto all’indicazione dei comportamenti addebitati, non richiede nè la precisazione delle fonti di prova da utilizzare nel procedimento disciplinare, nè la individuazione delle precise norme deontologiche che si assumono violate, dato che la predeterminazione e la certezza dell’incolpazione può ricollegarsi a concetti diffusi e generalmente compresi dalla collettività. Corollario di tale principio è che in tema di procedimenti disciplinari quello che è necessario ai fini di garantire il diritto di difesa all’incolpato – e di consentire, quindi, allo stesso di far valere senza alcun condizionamento (o limitazione) le proprie ragioni – è una chiara contestazione dei fatti addebitati non assumendo, invece, rilievo la sola mancata indicazione delle norme violate e-o una loro erronea individuazione, spettando in ogni caso all’organo giudicante la definizione giuridica dei fatti contestati e configurandosi una lesione al diritto di difesa solo allorquando l’incolpato venga sanzionato per fatti diversi da quelli che gli sono stati addebitati ed in relazione ai quali ha apprestato la propria difesa.

Consiglio Nazionale Forense sentenza del 3 luglio 2017, n. 81

Articoli Correlati:

  • La disciplina dei rapporti con la controparte assistita da collega
  • Favor rei: il nuovo codice deontologico si applica retroattivamente, se più favorevole all’incolpato
  • In dubio pro reo: il principio di presunzione di non colpevolezza vale anche in sede disciplinare
  • La difesa non giustifica l’offesa: illeciti gli attacchi personali al collega di controparte

https://www.codicedeontologico-cnf.it

/?p=36155