Corrispondenza riservata e art.91 cpc

L’art. 91 cpc non deroga al divieto di produrre o riferire in giudizio di corrispondenza riservata. Il divieto assoluto di esibizione in giudizio di corrispondenza con colleghi contenente proposte transattive o comunque riservata (art. 48 ncdf, già art. 28 cod. prev.) non è escluso dall’invito del giudice a transigere ex art. 91 co. 1 cpc, giacché la proposta conciliativa cui fa riferimento detta norma deve essere formulata in giudizio dalla parte proponente e l’eventuale rifiuto della controparte (che può rilevare ai fini delle spese processuali) sarà insito nella mancanza di accettazione, quindi senza alcun bisogno di divulgare la corrispondenza riservata tra i difensori.

(Nel caso di specie, in applicazione del principio di cui in massima,la Corte ha respinto il ricorso avverso Cons. Nazionale Forense, pres. f.f. Picchioni, rel. Losurdo- sentenza del 15.12.2016, n. 362).

Corte di Cassazione (pres. Amoroso, rel. De Chiara), SS.UU, sentenza n. 21109 del 12 settembre 2017

Articoli Correlati:

La ratio del divieto di produrre la corrispondenza scambiata con il collega
La corrispondenza tra colleghi non producibile né riferibile in giudizio
La corrispondenza tra colleghi non producibile né riferibile in giudizio: presupposti e ratio

https://www.codicedeontologico-cnf.it

 

Print Friendly, PDF & Email