La competenza dell’Avvocato

La violazione del dovere di competenza nell’adempimento del mandato professionale. Integra illecito disciplinare il comportamento dell’avvocato che accetti incarichi che non sia in grado di svolgere con adeguata competenza (art. 14 ncdf, già art. 12 codice previgente) (Nel caso di specie, il professionista aveva accettato l’incarico in via esclusiva di redigere un ricorso al TAR, senza averne la competenza).

Consiglio Nazionale Forense, sentenza del 9 marzo 2017, n. 8.

Nota: In senso conforme, tra le altre, Consiglio Nazionale Forense (pres. f.f. Picchioni, rel. Geraci), sentenza del 2 maggio 2016, n. 98, Consiglio Nazionale Forense (pres. f.f. Salazar, rel. Baffa), sentenza del 7 aprile 2016, n. 54, Consiglio Nazionale Forense (pres. f.f. Vermiglio, rel. Damascelli), sentenza del 30 aprile 2012, n. 89. In sede di Legittimità, in senso conforme, da ultimo Corte di Cassazione (pres. Amoroso, rel. Cirillo), SS.UU, sentenza n. 25633 del 14 dicembre 2016.

Articoli Correlati:
L’obbligo di formazione continua è posto a tutela della collettività
Dovere di aggiornamento professionale e di formazione continua
L’obbligo di formazione continua è posto a tutela della collettività
La violazione dell’obbligo formativo è scriminata dallo stato di necessità

https://www.codicedeontologico-cnf.it/