Fatturazione elettronica 2019

Dal 1° gennaio 2019 tutte le fatture emesse, a seguito di cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti o stabiliti in Italia, potranno essere solo fatture elettroniche. L’obbligo di fattura elettronica, introdotto dalla Legge di Bilancio 2018, vale sia nel caso in cui la cessione del bene o la prestazione di servizio è effettuata tra due operatori Iva (operazioni B2B, cioè Business to Business), sia nel caso in cui la cessione/prestazione è effettuata da un operatore Iva verso un consumatore finale (operazioni B2C, cioè Business to Consumer). Le regole per predisporre, trasmettere, ricevere e conservare le fatture elettroniche sono definite nel provvedimento n. 89757 del 30 aprile 2018 pubblicato sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate.

Linee guida ‘cambio operatore’

AGCOM.Dismissione e trasferimento dell’utenza nei contratti per adesione. Linee guida per la determinazione delle spese di dismissione e trasferimento dell’utenza a supporto degli operatori di servizi di telefonia, di servizi televisivi e servizi di comunicazione elettronica, definite a seguito dell’entrata in vigore della Legge annuale per il mercato e la concorrenza (Legge n. 124/2017, del 4 agosto 2017) che ha modificato, tra gli altri, l’articolo 1, commi 1 e 3 del c.d. Decreto Bersani. Le linee guida sono volte a fornire un orientamento agli operatori di telefonia, di reti televisive e di comunicazione elettronica per la corretta applicazione dell’articolo 1, commi 1, 3 e 3-ter del Decreto Legge 31 gennaio 2007, n. 7 come modificato e integrato dalla Legge 4 agosto 2017, n. 124 (d’ora in poi anche “Decreto”).1 Le presenti Linee guida sostituiscono la comunicazione del 2 luglio 2007,2 con la quale la Direzio.ne Tutela dei Consumatori ha fornito alcuni chiarimenti sulle modalità di verifica del rispetto dell’articolo 1, commi 1 e 3 del Decreto.

PCT, interruzione servizi

Interruzione dei servizi informatici del settore civile 14/11/18.Aggiornamenti. Pst.giustizia comunica che per improrogabili ed urgenti interventi sui sistemi, sono stati interrotti i servizi informatici per tutti gli uffici giudiziari dei distretti di Corte di Appello dell’intero territorio nazionale, compresi i Giudici di Pace, ed il Portale dei Servizi Telematici. Si precisa che, durante l’esecuzione degli interventi, sarà possibile il deposito telematico da parte degli avvocati, dei professionisti e degli altri soggetti abilitati esterni anche se i messaggi relativi agli esiti dei controlli automatici potrebbero pervenire solo al riavvio definitivo dei singoli distretti.