Condanna ergastolo e art.630 c.p.

Il Tribunale di sorveglianza di Venezia ha sollevato, in riferimento agli artt. 3 e 27, terzo comma, della Costituzione, questioni di legittimità costituzionale dell’art. 58-quater, comma 4, della legge 26 luglio 1975, n. 354 (Norme sull’ordinamento penitenziario e sull’esecuzione delle misure privative e limitative della libertà), «nella parte in cui prevede che i condannati all’ergastolo per il delitto di cui all’art. 630 del codice penale, che abbiano cagionato la morte del sequestrato, non sono ammessi ad alcuno dei benefici indicati nel comma 1 dell’art. 4-bis se non abbiano effettivamente espiato almeno ventisei anni di pena…

Protocollo intesa CNF e CSM

Siglato protocollo d’intesa tra CNF e Consiglio Superiore della Magistratura. Proseguono le iniziative di collaborazione per il miglioramento della giustizia italiana tra Consiglio Nazionale Forense e Consiglio Superiore della Magistratura. Oggi il Presidente del CNF Andrea Mascherin ha firmato un protocollo d’intesa con il Vice Presidente del CSM Giovanni Legnini per l’organizzazione del lavoro, lo scrutinio preliminare delle impugnazioni, chiarezza e sinteticita’ nella redazione degli atti e dei provvedimenti nei giudizi d’appello, nel rispetto del principio del contradditorio e delle garanzie della difesa.

PAT, orario deposito

Orario di deposito telematico delle memorie per l’udienza in regime di PAT. Esclusione dalla gara per assenza di firma digitale in una dichiarazione integrativa sottoscritta sul cartaceo pdf. Tar Catanzaro, sez. II, 29 giugno 2018, n. 1291. Processo amministrativo.Depositi.Orario.Oltre le ore 12.00 dell’ultimo giorno utile.Tardività del deposito. Contratti della Pubblica amministrazione.Esclusione dalla gara.Dichiarazione integrativa.Sottoscritta sul cartaceo convertito in pdf ma senza firma digitale.Illegittimità. Anche dopo l’entrata in vigore del Processo amministrativo telematico, è tardiva la memoria depositata oltre le ore 12 dell’ultimo giorno utileE’ illegittima l’esclusione dalla gara basata sull’assenza della firma digitale in una dichiarazione integrativa, comunque sottoscritta sul cartaceo, convertito in pdf, e corredata da documento di identità.